In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Benvenuto login

ROSÉ

Formato 6 bt x 0,75 L
Spedizione GRATUITA
Tipologia Vino Rosato Veneto Igt 10,5%vol
Sapore Al palato fresco e piacevolmente armonico.
Abbinamento Ottimo come aperitivo. Si abbina perfettamente anche con antipasti, formaggi, pizza e primi piatti a base di pesce e frutti di mare.
Prezzo: € 69,00
Quantità:

Confezione acquisto da:

6 bottiglie di Rosé - vino Veneto Igt Rosato - 10,5%vol


Aspetti organolettici: Cristallino, dal colore rosa tenue.Caratterizzato da note fruttate come i lamponi, le fragole e le marasche. Spiccano inoltre note floreali di rosa e fiori selvatici. Al palato fresco e piacevolmente armonico.

Abbinamenti Gastronomici: Ottimo come aperitivo. Si abbina perfettamente anche con antipasti, formaggi, pizza e primi piatti a base di pesce e frutti di mare.

Temperatura di Servizio: 10-12 °C

Titolo Alcolometrico: 10,5%vol


Curiosità su questo vino:

COM’È NATO IL ROSATO? TRA STORIA E LEGGENDA…
Tante le storie dietro al vino, tante le leggende, le curiosità. C’è un fascino particolare in una delle leggende sul rosato, la più accreditata e più veritiera, che ha come protagonista principale un prete che abitava sulle rive del Lago di Garda. 
In un piccolissimo villaggio di campagna, viveva questo prete che, accontentandosi di poco, viveva di ciò che gli donavano i suoi compaesani. Si cibava principalmente dei frutti della terra, qualche oliva e verdura. Troppo pigro per coltivare in modo decente il piccolo orto della chiesa, in un primo momento fu preso in custodia dagli abitanti del villaggio che gli donavano cibo e soprattutto il vino, che non doveva mancare mai per via delle funzioni religiose.
Tutto, neanche a dirlo, in maniera completamente gratuita. Questa situazione però non durò a lungo. Soprattutto il vino aveva un costo che i suoi compaesani non vollero più sostenere. E così, lo lasciarono da solo a provvedere al suo sostentamento e a quello della chiesa. Finito il tempo dello scrocco per il prete? Macché! Un modo alternativo e non lecito lo trovò. E approfittò della vendemmia…Una vendemmia differente rispetto a quella a cui siamo abituati oggi, ovviamente. L’uva vendemmiata si versava sui tini che a loro volta erano posti in grandi carri. Dopo aver pigiato l’uva, arrivata la sera, i carri venivano riposti nell’aia padronale dove iniziava la fermentazione del mosto. Ed è proprio in questa fase che il nostro simpatico prete studiò il suo piano.Nascostosi sotto un carro, riuscì a bucare un tino e riempì un recipiente di un vino che era rimasto troppo poco a contatto con le bucce e che non aveva completato la fermentazione. 
Quindi il vino che ne venne fuori non era rosso, ma neanche bianco. Il colore fu una via di mezzo, un rosato. Grazie alla sua azione furtiva, il prete sul Lago di Garda creò il vino rosato.

STORIA O LEGGENDA?
Chi lo sa…resta comunque una storia sulla cultura del vino che non potevamo dimenticare.